E-mail di Angelo Paganin al Presidente del Coni Malagò

Gentile Presidente Malagò 

sulla linea di pensarci tutti appartenenti all'Unione Europea, penso che lo sport possa essere ancora il principale veicolo con il quale superare barriere e favorire uno spirito europeo unitario.

Per questo la nostra società di nuoto Ondablu che opera negli impianti sportivi di Santa Giustina Bellunese, Pedavena e Agordo nella provincia di Belluno dall'anno agonistico 2015 - 2016, nelle cuffie usate dai propri atleti delle squadre agonistiche e masters, ha inserito le bandiere d'Italia e quella dell'Unione Europea.

Inoltre, durante le manifestazioni sportive che ospitiamo nei nostri piccoli impianti, proprio per promuovere l'appartenenza all'Italia e all'Europa, facciamo suonare (e far rispettare chiedendo a tutti di rimanere in piedi), sia l'inno d'Italia sia quello dell'UE, esponendo però anche la bandiera olimpica del Coni.

Dopo leggiamo il saluto alle bandiere allegato.

Da quest'anno abbiamo anche la bandiera societaria con evidenziate le bandiere d'Italia e d'Europa.

Sarebbe bello che l'Italia si facesse promotrice di un forte messaggio di unità, stimolando le altre nazionali, partendo però dalla propria, affinché gli atleti durante le prossime manifestazioni a carattere internazionale sfilassero con le bandiere d'Europa e della propria nazione, ma soprattutto che si mettesse su tutto l'abbigliamento sportivo le due bandiere.

Se non ce la facciamo con tutti i paesi dell'UE, perché non comincia l'Italia?

Con l'auspicio che tale proposta venga presa in considerazione le porgo cordiali saluti.

Angelo Paganin
Ondablu 
scsd
società cooperativa sportiva dilettantistica
Via Scuole Nuove 11
32035 Santa Giustina Bellunese (BL)